Alessandro Brasile

Modeste eternità

Dal 6 al 19 giugno 2018

Gilda Contemporary Art 2°piano

Inaugurazione

 GIOVEDÌ 5 GIUGNO ORE 18

A cura di

Cristina Gilda Artese
e Alessandro Trabucco

Modeste eternità

Alessandro Brasile

Dal 6 al 19 giugno 2018
Gilda Contemporary Art 2°piano

Dal 6 al 19 giugno 2018, il secondo piano di Gilda Contemporary Art di Milano (via San Maurilio 14) ospita la personale di Alessandro Brasile (Milano, 1976) dal titolo Modeste eternità.

La mostra, che si tiene in occasione di Milano Photoweek, curata da Cristina Gilda Artese e Alessandro Trabucco, presenta per la prima volta una serie di immagini, realizzate dall’artista milanese in alcuni dei suoi viaggi di lavoro intorno al mondo, dall’Italia all’India, da Singapore al Portogallo, dal Brasile alla Spagna, dall’Inghilterra alla Francia sino all’Uzbekistan, che gli hanno permesso di raccogliere una serie d’immagini diverse da quelle commissionate come reporter fotografico.

Questi scatti sono in grado di offrire uno spaccato significativo delle atmosfere vissute in prima persona, senza avere nessuna intenzionalità documentativa di stampo sociale, e nemmeno la pretesa di individuare delle categorie umane da analizzare come studio antropologico.

Modeste eternità – scrive Alessandro Trabucco nel testo critico che accompagna la rassegna – è un omaggio all’esistenza in quanto flusso continuo di incontri e interazioni, e Alessandro Brasile è parte integrante di queste “relazioni occasionali”, ne diventa protagonista indiretto, trovando nel proprio sguardo una chiave di lettura della realtà, mettendosi totalmente in gioco in quello che definisce il “mio personalissimo Gran Teatro del Mundo”, cercando di non farsi mai scorgere nel momento clou dello scatto, ottenendo in questo modo il massimo della sintonia con i personaggi che sta inquadrando col suo obiettivo”.

Ciò che più interessa ad Alessandro Brasile è il piacere di guardare la realtà che gli ruota intorno. Non vi è nulla di pianificato o progettato a tavolino; nelle sue fotografie, la vita si svolge senza condizionamenti o premeditazioni e i personaggi che ne diventano protagonisti sono attori inconsapevoli di una sceneggiatura improvvisata.

Le sue immagini, caratterizzate da colori intensi, con un elevato gusto pittorico e con illuminazioni misteriose, quasi caravaggesche, sono ottenute esclusivamente con la propria fotocamera digitale.

“Non sono fotografie da cavalletto – scrive ancora Trabucco -, o da apparecchio a soffietto, con tempi lunghi e con lastre 10×12, sono veramente immagini rubate e scattate in condizioni di stabilità precaria, realizzate da punti vista insoliti, spesso scelti per necessità contingenti la situazione. In questo senso l’aspetto decisivo non è tanto il trovarsi nel posto giusto al momento giusto, quanto essere l’artefice di tale condizione, non programmandone il compimento bensì sentendone in anticipo i richiami, la sensazione che qualcosa sta per accadere, pur non sapendo di preciso quando e come avverrà”.

Accompagna la mostra, una guida con testo di Alessandro Trabucco e le immagini esposte.


Orari di apertura:

dal martedì al venerdì dalle 10.30 alle 19.
Sabato dalle 10.30 alle 13 e il pomeriggio su appuntamento.
Ingresso libero

L’Artista

Alessandro Brasile

Profilo Artista

Alessandro Brasile è nato nel 1976 a Milano. Diplomatosi in Comunicazioni Visive, ha intrapreso fin da giovanissimo la strada del teatro, lavorando con acclamati maestri internazionali di prestigiose accademie.

2019-08-15T07:20:52+00:00

Alessandro Brasile

Modest Eternities

6 – 19 June 2018

Gilda Contemporary Art 2nd floor

Opening

5 june 6 p.m.

Curated by

Cristina Gilda Artese
and Alessandro Trabucco

Modest Eternities

Alessandro Brasile

6 – 19 June 2018

Gilda Contemporary Art 2nd floor

From 6 to 19 June 2018, Gilda Contemporary Art in Milan (via San Maurilio 14) hosts the personal show by Alessandro Brasile (Milan, 1976) titled Modest eternities.

The show, held on the occasion of Milano Photoweek and curated by Cristina Gilda Artese and Alessandro Trabucco, presents for the first time a series of photos taken by the artist from Milan during some of his business trips around the world – from Italy to India, then Singapore, Portugal, Brazil, Spain, England, France, up to Uzbekistan – that allowed him to collect a series of other images than the ones he shoots as a photographic reporter. These shoots offer a view into the artist’s first-hand experiences, they mean to be neither a documentary of a social nature, nor have they the intention of detecting human categories that can be studied as antropological cases.

“Modest eternities – Alessandro Trabucco writes in the critical work about the exhibition – is a tribute to the existence as a constant flow of encounters and interactions, and Alessandro Brasile is an integral part of these “casual relations”; he becomes an indirect main player, finding in his own gaze the key joke of reality, getting completely involved into what he calls “my own personal Grand Theatre of Mundo”, trying not to be seen in the highlight of the shoot. Int his way, he maximizes his connection with the people he is getting a shot of”.

What Alessandro Brasile is mostly interested in is the pleasure of watching the reality around him. Nothing is planned or drawn on the board; in his photos, life happens without constraints and premeditations, and the characters, who become main players, are unaware actors of an improvised screenplay.

His photos, marked by intense colours, are highly pictorial and showcase mysterious lights, almost worthy of Caravaggio, taken exclusively with his digital camera.

“The pictures are noy taken with the camera on a tripod – Alessandro Trabucco writes – or with a folding camera, using long exposure times and 10×12 cm photographic plates. Alessandro Brasile’s pictures are stolen images, taken under difficult conditions and from funny angles, often chosen of necessity. In this case, the crucial factor is not really being in the right place at the right time, but being the architect of this particular condition; he does not plan its accomplishment, rather he feels its call in advance, he has the feeling that something is about to happen, but he doesn’t know when and how it takes place”.

The exhibition is completed with a guidebook written by Alessandro Trabucco and the pictures on display.


Opening hours

Tuesday-Friday: 10.30-12.30 a.m. /2.30-7 p.m
Saturdays 10.30 -1 p.m. – afternoons by appointment only.

Free entrance  Info: tel. +39 339.4760708   info@gilda.gallery

Press Office: CLP Relazioni Pubbliche  / Marco Olianas, tel. 02 36 755 700 | marco.olianas@clponline.it | www.clponline.it

Comunicato stampa e immagini su www.clponline.it

The Artist

Alessandro Brasile

Profilo Artista

Alessandro Brasile was born in Milan in 1976. He graduated in visual communications and soon after he committed himself to the path of theatre, working with celebrated international masters from prestigious academies, from Royal Shakespeare Academy to Beijing Opera, from Centro Internazionale Studi di Biomeccanica up to the Indian theatre Katakali style.

2019-07-29T07:53:06+00:00